Revista per i clienti

Partecipare

Revista per i clienti

Basilea, 23 novembre 2017 | La Banca WIR soc. cooperativa, che ha modernizzato la principale rete di PMI della Svizzera con numerosi prodotti e servizi digitali, amplia ulteriormente la sua offerta nel campo della previdenza con VIAC. Accanto al vantaggioso e altamente competitivo risparmio in titoli l’app per la previdenza VIAC, al 100 percento digitale, propone anche i classici conti del pilastro 3a.

«In questo modo apriamo alla nostra generazione una nuova strada per assicurarsi la previdenza di vecchiaia», afferma convinto Daniel Peter, cofondatore e CEO di VIAC AG. La Banca WIR detiene una partecipazione nella startup fintech lucernese. «La soluzione previdenziale VIAC si presenta sul mercato con il suo nome e in collaborazione con la Banca WIR», spiega Germann Wiggli, presidente del direttorio della Banca WIR. «Il patrimonio viene gestito dalla nostra Fondazione di previdenza Terzo.»  

Il risparmio previdenziale sotto forma di app completamente digitalizzata consente di semplificare notevolmente la procedura. «Si può aprire il 3° pilastro in qualsiasi momento e ovunque ci si trovi, ci vogliono meno di otto minuti», spiega Daniel Peter. «Basta scaricare l’app, registrare i propri dati personali, scegliere la strategia... e il gioco è fatto. Si può investire a partire da un solo franco, e anche questa è un’assoluta novità.» Rispetto ai costi medi di altre soluzioni in titoli, le spese sono decisamente inferiori. «Nel raffronto con la concorrenza, siamo in media circa il 65% meno cari», aggiunge Daniel Peter. Una commissione di gestione copre tutte le spese di transazione, la tenuta del deposito e il carico amministrativo della Fondazione. La commissione viene calcolata solo sul capitale investito in titoli.

Il tema del risparmio previdenziale è estremamente attuale visto il dibattito sui problemi relativi alla previdenza di vecchiaia (leggi riforma delle rendite): Peter, cofondatore di VIAC, è convinto che proprio per questo i giovani debbano assumersi le loro responsabilità. L’app VIAC è di facile comprensione e offre la massima flessibilità. «Non c’è investimento minimo, durata minima o commissione minima», sottolinea Daniel Peter, «è il cliente a decidere liberamente quando e quanto desidera versare.» Inoltre, è sempre possibile adeguare la strategia d’investimento senza costi aggiuntivi.

La soluzione previdenziale VIAC è naturalmente destinata in prima istanza alla clientela privata, ma possono accedervi anche i titolari di PMI. Per German Wiggli, il lancio dell’app rappresenta un ulteriore passo nella strategia di digitalizzazione progressiva della Banca WIR: «Vogliamo incrementare l’attrattiva e il valore dei nostri servizi.» Con il suo conto Terzo, sono anni che la Banca WIR si colloca tra i migliori offerenti in Svizzera dal punto di vista della remunerazione. La soluzione previdenziale digitale per il pilastro 3a colmerà, ritiene Wiggli, una lacuna nell’offerta secondo un approccio innovativo. «I clienti potranno cogliere il meglio di due mondi, da un lato approfittando di una straordinaria forza innovativa e dall’altro usufruendo di una soluzione dotata della massima sicurezza, sostenuta da un istituto finanziariamente sano, organizzato in forma cooperativa e tutto svizzero come la Banca WIR.»  

 

Domande:

Volker Strohm
Addetto stampa – Responsabile PR/Media digitali
medien(at)wir.ch
T 061 277 92 27
T 0800 947 949



File

Iniziare chat